Oggetto sociale di una Start Up Innovativa

L’oggetto sociale di una Start Up Innovativa deve rispettare precisi requisiti.

La start up innovativa si caratterizza per l’oggetto sociale, rappresentato da sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

La Camera di Commercio di Torino ha fornito le seguenti indicazioni per la formulazione/descrizione dell’oggetto sociale:

1. Iniziare la formulazione/descrizione dell’oggetto sociale aprendo con la seguente premessa:

“La società ha per oggetto lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, e più specificamente” [L’indicazione di tale premessa è indispensabile in quanto prevista dalla legge al fine di identificare la start-up. Informazioni/contenuto obbligatorio.]

2. Di seguito alla premessa, declinare/specificare ulteriormente le tre fasi operative dell’attività di start-up (sviluppo, produzione, commercializzazione) qualora necessario o opportuno al fine di una migliore descrizione/comprensione dell’oggetto/attività

[Tale specificazione non è obbligatoria, ma costituisce soltanto una facoltà. Nel caso in cui ci si avvalga di tale facoltà, è fondamentale che le specificazioni siano coerenti con la premessa anzidetta].

3. Di seguito alla premessa (e alle ulteriori specificazioni, se ci si è avvalsi di tale facoltà) individuare e indicare, in modo chiaro e comprensibile, il bene o il servizio che la società sviluppa, produce e commercializza
[Informazioni/contenuto obbligatorio.].

3.1 Se è il bene o servizio ad essere innovativo e ad alto valore tecnologico, dopo avere indicato il bene/servizio, proseguire la formulazione dell’oggetto sociale specificando…”prodotto utilizzando/per mezzo … ”
[Descrivere, in modo chiaro e comprensibile, le caratteristiche/proprietà che conferiscono al bene/servizio la qualità “dell’innovazione e di alto valore tecnologico” – informazioni/contenuto obbligatorio”. A tal fine non è sufficiente utilizzare semplicemente le sole espressioni “innovativo e ad alto valore tecnologico”, associate al bene/servizio oggetto dell’attività, in quanto non idonee, di per sé, ad evidenziare e qualificare il bene/servizio come innovativo e ad alto valore tecnologico se non in termini impliciti e puramente soggettivi. Informazioni/contenuto obbligatorio].

oppure

3.2 Se è il metodo o la modalità con il/la quale il bene o servizio è sviluppato, prodotto e/o commercializzato ad essere innovativo e ad alto valore tecnologico, dopo avere indicato il bene/servizio, proseguire la formulazione dell’oggetto sociale specificando… “realizzato attraverso…”
[Descrivere ed evidenziare, in modo chiaro e comprensibile, le caratteristiche/proprietà che conferiscono al metodo/modalità usata, la qualità “dell’innovazione e di alto valore tecnologico” – informazioni/contenuto obbligatorio”. A tal fine non è sufficiente utilizzare semplicemente le sole espressioni “innovativo e ad alto valore tecnologico”, associate al metodo/modalità usata, in quanto non idonee, di per sé, ad evidenziare e qualificare il bene/servizio come innovativo e ad alto valore tecnologico se non in termini impliciti e puramente soggettivi. Informazioni/contenuto obbligatorio].

4. Descrivere le eventuali ulteriori/diverse attività secondarie quando anche tali attività costituiscono l’oggetto sociale della società, evidenziando chiaramente che trattasi di attività che la società svolge in via secondaria e/o strumentale all’esercizio delle attività tipiche di società start-up
[Secondo quanto dispone l’articolo 25 del D.L. n. 179/2012, comma 2, lettera f), le startup devono avere come oggetto sociale “esclusivo e prevalente” lo sviluppo, la produzione, la commercializzazione di beni o servizi innovativi ad altro valore tecnologico. Nel caso in cui la formulazione dell’oggetto sociale contenga la descrizione di ulteriori attività, deve essere chiaramente evidenziato il rapporto di prevalenza a favore dell’oggetto sociale tipico di start-up. Per tale ragione, non possono essere descritte e aggiunte, quali attività secondarie, attività regolamentate in ordine alle quali la legge prescriva che le stesse o l’oggetto sociale che le descrive debbano essere anch’esse attività esercitate in via principale, esclusiva o prevalente (per cui l’una escluderebbe l’altra). Informazioni/contenuto facoltativo, in ordine al quale, se previsto, deve essere specificato obbligatoriamente il rapporto di prevalenza a favore dell’oggetto tipico di stat-up.].

ESEMPIO DI OGGETTO SOCIALE START-UP che produce un bene INNOVATIVO AD ALTO VALORE TECNOLOGICO
La società ha per oggetto lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, e più specificamente: [premessa] lo sviluppo la produzione e la commercializzazione di valvole cardiache.[individuazione del bene] prodotte utilizzando un materiale organico innovativo in quanto estratto da una pianta che permette di ottenere una valvola ad alto valore tecnologico perchè consente di conseguire un alto livello di tollerabilità e bassi rischi di rigetto. [specifica del carattere innovativo ad alto valore tecnologico del bene

ESEMPIO DI OGGETTO SOCIALE START-UP che produce un servizio realizzato attraverso una modalità INNOVATIVA AD ALTO VALORE TECNOLOGICO
La società ha per oggetto lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico, e più specificamente: [premessa] lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di un servizio di rifornimento di carburante a chiamata [individuazione del servizio] realizzato attraverso lo sviluppo e la produzione di un distributore itinerante che fa uso di una autobotte innovativa in quanto di dimensioni ridotte e caratterizzata da un rivestimento interno non infiammabile tratto da una sostanza vegetale, nonché tramite una app innovativa ad alto valore tecnologico poiché si avvale di un nuovo sistema di geolocalizzazione del cliente che lo mette in contatto con il più vicino distributore che aderisce al servizio [specifica del carattere innovativo ad alto valore tecnologico della modalità con la quale è sviluppato, prodotto e commercializzato il servizio2. 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram

DL Sostegni bis: esenzione plusvalenze

Con il DL Sostegni bis è stata introdotta una nuova interessante opportunità per le persone fisiche che investono in start up e pmi innovative.
A determinate condizioni le plusvalenze derivanti dalla cessioni di quote di start up e pmi innovative sono totalmente esenti da tassazione

Leggi Tutto »

PIR “fai da te”

PIR Alternativi o “fai da te”: interessantissima opportunità per tutti i Business Angel.
A determinate condizione è infatti prevista la non imponibilità dei proventi (plusvalenze o dividendi) provenienti da investimenti in Società italiane.
Introdotto inoltre un credito di imposta sulle minusvalenze derivanti da tali investimenti.

Leggi Tutto »